AlieniAttualità

Il nuovo presidente della Repubblica è un rettiliano, ecco le prove!

2 Min. di lettura

Come ormai tutti ben sapranno, nelle scorse ore è stato eletto Sergio Mattarella come nuovo presidente della Repubblica, che subentrerà a Giorgio Napolitano.
Non ci soffermeremo sui dettagli della sua elezione, ne tantomeno esprimeremo un parere personale sulla cosa, in quanto vogliamo restare il più neutri possibile. Ciò che invece vogliamo portare alla vostra attenzione è frutto delle ricerche incrociate del noto esperto Mario Pitone e del contattista sardo Peppe Pluton, che dà certamente un sapore diverso a tutta la vicenda.

Premessa importante

Sappiamo bene che le argomentazioni che stiamo per trattare hanno un carattere insolito, e che molti non le digeriranno, dunque a scanso di equivoci vi invitiamo tutti a leggere la guida al riconoscimento di un rettiliano e soprattutto a visionare il video contenuto in essa.
Evitate dunque pareri affrettati, e soprattutto offese o battutine, perché come sempre ciò che scriviamo è frutto del lavoro di persone che si battono per le loro idee.

Le prove

Uno dei segnali principali che smascherano la vera identità di un rettiliano cammuffato sono i suoi occhi, o meglio per chi è del settore la fantomatica “membrana x“, una terza palpebra (simile ad una membrana nittitante) che va a coprire il vero bulbo oculare totalmente nero con il finto occhio umano.
Di persona è molto difficile notare tale dettaglio, per via delle interferenze mentali, ma in alcune foto, soprattutto se scattate inaspettatamente, è possibile vederlo, come nella seguente foto.
occhi

(Notare l’insolita forma della pupilla)

 

Se osserviamo bene altre fotografie potremo facilmente notate che nonostante il nostro neo presidente abbia occhi chiari essi appaiono scuri, soprattutto se fotografati dietro ai suoi occhiali (che potrebbero essere un dispositivo di cammuffamento). Come già detto in precedenza, il vero colore delle orbite rettiliane è nero.
occhi2

Altro segnale che fa scattare il campanello di allarme è la forma dei denti e della bocca. Come ben saprete i rettili, a differenza di noi mammiferi, non presentano diversificazione nei denti (niente incisivi, canini o molari) ma sono tutti di forma più o meno uguale e conica. Infatti i rettili non masticano, ma ingoiano il cibo intero.
denti
Le foto qui prese in esame sono state liberamente prese dal web e non presentano alcun tipo di ritocco, pertanto vi invitiamo a controllare tranquillamente, esaminando anche foto non prese in esame.
Vi accorgerete che non tutte le immagini di Mattarella presentano i dettagli da noi evidenziati, prova inattaccabile di tratti fisici dinamici, e non statici come qualsiasi essere umano.

Se vi capita di raccogliere ulteriori prove della natura extraterrestre di Sergio Mattarella non abbiate scrupolo e segnalatecele immediatamente.

96 posts

Sull'autore
Un italiano trapiantato in America da tempo, spinto da un'incrollabile sete di verità, combatte per smascherare inganni e ingiustizie, incurante di rischi e ostacoli. Impavido membro della Nevada Chemtrail Reports e del Mutual UFO Network (MUFON), conduce instancabilmente indagini personali, i cui risultati trovano spesso spazio sulle pagine di autorevoli riviste specializzate dell'Ohio.
Articoli
Articoli correlati
Alieni

Peppe Pluton risponde #3: Interferenze clandestine

6 Min. di lettura
Amore e pace fratelli umani, sono Peppe Pluton, discendente della stirpe di Davide e intercessore dei pleiadiani. Dopo una lunga assenza ho…
AlieniCospirazioni

Arriva il gender nelle scuole, lo vogliono i rettiliani

2 Min. di lettura
Mai come quest’anno l’apertura dell’anno scolastico ha causato tanti malumori: non solo fra gli alunni che si ritrovano come ogni anno a…
Creature MisterioseGeoingegneriaSpiritualità

Il genocidio dei candidi globiluminosi, un crimine celeste

2 Min. di lettura
Amore e pace fratelli umani, sono Peppe Pluton, discendente della stirpe di Davide e intercessore dei pleiadiani. Cari e dolci lettori, che…

40 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *